Copyright, cambiano le regole in Italia per chi viola il diritto d’autore online

Scritto da Super User. Postato in News

L’Agcom aggiorna le regole per intervenire sulle violazioni del copyright in rete. Interventi più veloci per inibire chi non rispetta il diritto d’autore

copyright

Fonte: https://www.wired.it/internet/web/2018/10/18/copyright-diritto-autore-internet-italia-regole-violazioni-denuncia/ di Pietro Deragni

18 Ott, 2018

Cambiano le regole del copyright in rete.

L‘Autorità garante delle comunicazioni (Agcom) avrà più poteri per impedire le violazioni del diritto d’autore su internet e per applicare provvedimenti per evitare che i recidivi non si adeguino.

MOMO & OLIVIA

Scritto da Super User. Postato in News

Articolo pubblicato su  "www.isernianews.it"  il   30-09-2018

Momo-&-Olivia

(“La Psicologia del terrore su Whatsapp”)

Perché i film del terrore piacciono tanto ai ragazzi? Il celebre poeta e scrittore statunitense Lovecraft, nel suo saggio ‘Supernatural Horror in Literature’ del 1927, affermava che “la più antica e potente emozione umana è la paura”. Il panico genera brividi e la passione per la paura accomuna tutti gli essere umani, fin dalla notte dei tempi. La paura è un’emozione innata nell’uomo, funzionale alla sua stessa sopravvivenza; un’emozione potente in grado di generare adrenalina, rendere i riflessi più acuti, aumentare la soglia di vigilanza di un essere vivente e capace di amplificare tutte le altre emozioni che egli prova.

L’Android Brick

Scritto da Super User. Postato in News

Articolo pubblicato su  "www.isernianews.it"  il  15-09-2018

Android Brick

(“Quando lo smartphone sclera!”)

Bentornati nella nostra rubrica di Sicurezza Informatica. Anche in estate, la tecnologia ci è stata (discretamente) accanto: abbiamo messaggiato con gli amici sotto l’ombrellone e condiviso l’azzurro del mare in cui ci siamo tuffati. Abbiamo immortalato, fotografandole con i nostri smartphone, le nostre vacanze: i luoghi di villeggiatura più belli e le serate più romantiche; tutto racchiuso in quella piccola 'tegola' che ci portiamo sempre appresso come un mazzo di chiavi. Nei nostri cellulari risiedono album ed album di ricordi pronti ad essere 'sfogliati' con la punta di un dito. Ma cosa succederebbe se, all’improvviso, il nostro smartphone si bloccasse e decidesse di non funzionare più?

Sant’Antonio e WhatsApp

Scritto da Super User. Postato in News

Articolo pubblicato su  "www.isernianews.it"  il   30-06-2018

Spezza le catene

(“Come ti spezzo le Catene!”)

Che il santo frate eremita abbia deciso di utilizzare WhatsAppper la sua opera di evangelizzazione, non è un’idea affatto malvagia, se si considera il numero di messaggi che vengono inviati e ricevuti ogni giorno sul proprio smartphone. Ma, nello slang informatico, il suo nome è legato (purtroppo) a un fenomeno fastidioso e, a volte, anche pericoloso: quello delle cosiddette ‘Catene’.